DAGALA ADOSS AI CAN:
Che i bescti i sia mei di padron?

L' mia un rottweiller, l al Big!


M salti fra dal balin ttt content e dopo ma nancorgi che tcc i cercann da famm na da travrs la giurnada. Ma l possibil

Ma spiaas datt rasonn ma l propi insc. Sctamatina navi a scpass col m can. V sempro in qul posct e conossi gent, vita e miracoii e nincontri vn, in biciclta, con al so pinin, che al ma diis. Tenga quel cane!

E ti cosa ghett riscpond?

Prima: Buongiorno. E dopo Pu tenere per favore suo figlio al giunzaglio perch il mio hcane ha paura?

E quel altro sa la dii?

Lei un maleducato

E ti?

Sicome lo ricognas. Lei vada a dare le multe con la pistola in mano da un altra parte: pistola!

La sarissa sctaia un occasn per fagh pass la pagra ai gent perch al to can, come tcc dal resct, jenn besti che vivann da carezz e jenn dom o polin o direttor da banca che podann vgh pagra.

Mi, invece, somm nai in bestia per una roba che ho lengi sul giornall

A , a , attenzion te merat dii che gha va mia parl di notizi altrimenti gha resctomm sota coi nosct discoors

Ghett rasonn. Mei mia parlann ma santiddio se te gha lett s con vnn e ti sett un giornaliscta cerca da fa al t mesctee in manera da tll via dal pan scc e scitt.

Se fett mia insc alora vr di che ghett in man un gighn che ta piassmi che te gh'ett i cavri mzz...no...no..

Ma crt e la portann in avanti. Setimana par setimana

Vratt di anca ti, n pooch paroll  che se tell scat via dopo sett pi cosa altro fa?

Propi insc. A quii li gha mancariia, insc, al votanta par ceent da so mesctee.

Alora si che la verit la vegn a gla

e cio?

Lavorat o fett al giornaliscta??

Ah, ah, ah, . Semm fai di amiis anca sctavolta!

.Sett che nisgn hann indovinaa la foto da laltra volta?

Ma vah. Jenn gnanca sctai bon da vd lai selvadigh? Ghemm in giiiiiir tanti da quii ambientaliscta

Ma ann parlomm da quii li naltra volta. Adss mtumm su naltra foto e chi indoiina na botiglia da vin dal Sandro!

Bl premi, orca miseria che sciuur sett! A riis e verz

Ciao, ma met la pagat anca ti. Ciaaar?





di Federico Pedotti