(Dagh e dagh, nient da f)


MA I FANN SL SERI? Quii d li?

Fesctival di cazzaat


ma il treno dei desideri dei miei pensieri allincontrario v.

Seconda stella a destra questo il cammino e poi dritti fino

al mattino.

Pensa un po cosa vr di vss content.

Un gnent. D cc, un fi, un can che ta guarda.

Ah, ah, ah, vcc. Chi. Sota na pergola cunt un biceer in man.

Un mzz e mzz.

La Lila che la ta guarda.

Chla signorina da fra che te gha parat che te gha interessat.

ed subito sera.

Gi al soo e l nocc.

Te guardat la tele.

Da chi che i sa pican.

Dala scc

I sa inciodann.

Per na rasonn che chi capissomm mia.

Per na religion che scancla.

Per p domandass, un doman: ma che cazzo i fasevann li, per un fazzulett da sabbia.

I mamm i vosann.

I fi i tirann sass.

Anca da un pont in s lautoscrada

Vn biott fin ala cintra davanti a n cararmato.

Un altro a cavall, in Polonia, anca l, conrta un cararmato.

Da par l.

Sempro al soo, chal giira., al giira La lna i sctagin.

Vna dopo laltra, tanti, tanti volt.

Un granl da sabbia dal desrt par volta.

E nnn mrum.

Scumm via cunt ttt i nosct rsonn.

Carissimi! S da giir. Chesto l un scketch che emm inventaa per la setimana artistica da Biggn.

Semm sicr da vinc al primm premi.

Na damigiana da bondola.

DOC.

Gh mia gnanca na camisa bianca.

Salute e a riis e verz.



di Federico Pedotti